Menu istituzionale
Menu principale
Contenuto della pagina
Sei in:   Home Attività Condizioni di lavoro, welfare, povertà e disoccupazione

Le opinioni degli assistenti sociali su condizioni di lavoro, welfare, povertà e disoccupazione

condividi su FaceBook invia con Twitter

Roma, 29 ottobre 2015. Gli assistenti sociali possono essere considerati la spina dorsale dei sistemi di welfare avanzati svolgendo un ruolo cruciale per interpretare e organizzare i servizi di welfare, nonostante una significativa ristrutturazione di tali sistemi - in Europa come in Italia - stia cambiando il contesto in cui essi esercitano la loro professione. L'area della tutela e protezione dei minori di età è considerata fortemente radicata nella professione a conferma di un'attribuzione di ruoli e compiti ben presenti nella società italiana. Pur svolgendo una professione con un forte mandato pubblico, essi rappresentano un gruppo con una posizione relativamente debole nell’apparato pubblico e con limitate possibilità di incidere sull’imposizione di nuove priorità e compiti di lavoro che limitano significativamente l’autonomia professionale.

Questi alcuni dei risultati cui è giunta una ricerca sulla professione di assistente sociale presentata oggi nella sala polifunzionale di Palazzo Chigi, a Roma, e che ha visto il coinvolgimento di oltre duemila e settecento professionisti sui cinquemila e seicento – in rappresentanza degli oltre 40mila complessivamente iscritti all’Albo - cui è stato somministrato un apposito questionario.

“Una ricerca – spiega Silvana Mordeglia, Presidente del Consiglio nazionale degli Assitenti sociali – che ha permesso di rilevare le opinioni degli assistenti sociali italiani in merito ad una serie importante di questioni quali welfare, povertà, lavoro, e di rilevare, inoltre, il pensiero della professione in Italia in questa complessa fase socio-economica, fornendo chiavi di lettura e tendenze in atto. L’iniziativa nasce da una collaborazione tra l’Università di Lund (Svezia), l’Università di Helsinki (Finlandia), l’Università di Genova e il Consiglio nazionale e rappresenta l’estensione di uno studio svolto in Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia”.