Menu istituzionale
Menu principale
Contenuto della pagina
Sei in:   Home Press and Media Comunicati Stampa 2017 Giornata infanzia, Gazzi: 'Completare le riforme approvando definitivamente i provvedimenti a favore di bambini e ragazzi'

Giornata infanzia, Gazzi: 'Completare le riforme approvando definitivamente i provvedimenti a favore di bambini e ragazzi'

condividi su FaceBook invia con Twitter
scarica il file .pdf

Comunicato stampa del 20 novembre 2017

Roma, 20 novembre 2017. “Credo che il modo migliore per celebrare la Giornata nazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sia una forte e corale presa di impegno a completare – prima della imminente fine della Legislatura – quel percorso di diritti che Governo e Parlamento hanno avviato in questi anni a favore di bambini e ragazzi. Molti interventi sono stati realizzati avendo (ri)messo al centro dell’agenda politica e culturale l’attenzione verso i minori. Una attenzione che sembrava essersi affievolita: continuità affettiva, bullismo e cyber bullismo, povertà educativa, autismo, minori stranieri non accompagnati e l’avvio della figura del Tutore volontario, reddito di inclusione, sono solo alcuni dei provvedimenti approvati”.

Così Gianmario Gazzi, Presidente del Consiglio nazionale degli assistenti sociali.

“Va soprattutto riconosciuto – dice ancora Gazzi - che si è invertita una tendenza attingendo ad attenzioni e sensibilità nuove che hanno anche permesso di compiere lo sforzo decisivo rappresentato dalla individuazione delle prime risorse economiche dopo tanti anni. Forse l’Italia sta per tornare ad essere un Paese per bambini proprio grazie a quei provvedimenti che oggi consentono di disporre di norme mirate a rinforzare sia i servizi verso i minori, sia a sostenere i genitori in difficoltà intervenendo nelle particolari condizioni di fragilità”

Per il Presidente degli assistenti sociali italiani “ora serve che la Politica tutta – di maggioranza e di opposizione, così come il Governo – compiano lo sforzo finale approvando in via definitiva quelle norme già varate da un solo ramo del Parlamento e che rischiano di restare lettera morta: riguardano, in primo luogo, la norma sui minori che diventano maggiorenni e che devono essere accompagnati nel percorso di uscita dalle comunità che li hanno accolti. Deve poi essere approvata subito la legge per la tutela degli orfani speciali, quelli cioè resi tali da un episodio di violenza omicida compiuto dall'altro genitore. Non si può tollerare più la strumentalizzazione di questa che è innanzitutto una norma di umanità"

"Serve, infine conclude Gazzi - approvare la legge sulla cittadinanza che contempera il principio dello ius soli e dello ius culturae, norma che deve essere approvata semplicemente perchè giusta. Bambini nati, cresciuti e scolarizzati in Italia, figli di genitori che sono presenti nel nostro Paese oramai da più di vent'anni non sono diversi dai nostri."

Leggi alcune uscite