Menu istituzionale
Menu principale
Contenuto della pagina
Sei in:   Home Press and Media Comunicati Stampa 2017 Ddl Lorenzin, Gazzi, «con approvazione, al via nuova area socio-sanitaria»

Ddl Lorenzin, Gazzi, «con approvazione, al via nuova area socio-sanitaria»

condividi su FaceBook invia con Twitter
scarica il file .pdf

Comunicato stampa del 22 dicembre 2017

Roma, 22 dicembre 2017. “Va salutata con grande favore la definitiva approvazione da parte del Senato del Ddl Lorenzin di riordino delle professioni sanitarie. Questo provvedimento si caratterizza, tra l’altro, per l’istituzione di un’area professionale socio sanitaria in cui sono ricompresi i profili professionali di operatore sociosanitario, assistente sociale, sociologo ed educatore professionale inserendo anche, tra le professioni sanitarie, quella di psicologo, fermo inoltre restando che questi profili professionali continueranno ad afferire ai rispettivi Ordini di appartenenza, ove previsti. Ma si caratterizza anche nella possibilità di coordinare meglio gli interventi multidisciplinari svolti da assistenti sociali, psicologi, educatori e operatori socio sanitari.”

Così Gianmario Gazzi, presidente del Consiglio nazionale degli assistenti sociali, subito dopo il voto dell’Aula del Senato.

“Molto del merito dell’odierno voto finale – dice ancora - va ascritto alle senatrici Mattesini e Maturani, alla presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama, De Biasi, oltre che all’on. Gelli, così come ai sindacati di categoria degli assistenti sociali, ed in particolare al Sunas, che si sono battuti senza risparmio nel corso di tutto l’iter parlamentare”. 

“Si (ri)apre ora – e sarà oggetto di un impegno che vedrà per protagonista il nuovo Parlamento che scaturirà dalle prossime elezioni politiche generali – tutta la partita della riforma dell’area delle professioni sociali. Dopo quella che ha riguardato quelle sanitarie – conclude Gazzi - sarà dunque la volta di una riforma che riguarderà molto da vicino gli assistenti sociali. Sarà perciò necessario mettere subito mano ad un testo da sottoporre sia al Legislatore che al Governo che possa soddisfare le esigenze dei cittadini valorizzando al massimo le competenze degli assistenti sociali.”